Da anni il SAPA realizza attività di prevenzione e promozione delle risorse umane presso scuole, enti pubblici e privati e presso lo studio. Tali attività si rivolgono a diverse fasce di utenza.

FINALITA’

La prospettiva di intervento nella prevenzione del disagio è quella di ampliare le risorse delle persone per la gestione più efficace della loro vita.

In particolare le finalità di lavoro che sono:

– La promozione delle risorse personali;
– Il potenziamento delle modalità di gestione di sé e delle relazioni con gli altri;
– Il miglioramento dei propri stili relazionali.

METODOLOGIA

La metodologia di lavoro proposta si fonda su tre elementi basilari:

– Lavorare in gruppo;
– Dare informazioni;
– Sperimentare in prima persona.
Tutte le attività si realizzano in un contesto di gruppo. Si parte dall’assunto che il confronto e lo scambio con gli altri promuovano la crescita personale intesa come sviluppo armonico nel proprio contesto sociale di appartenenza.
All’interno di questo contesto di gruppo, si mira ad allargare il bagaglio di informazioni delle persone così da poter rispondere a domande quali : “perché capita questo proprio ora?”, “cosa contribuisce a determinarlo?”, “quali sono gli effetti?”, ecc.
Vengono stimolate le possibili risposte a tali interrogativi offrendo informazioni teoriche specifiche sui contenuti relativi al corso.
Inoltre, affinchè tali contenuti teorici vengano acquisiti in modo consapevole ed entrino nel bagaglio personale di ciascuno, sono facilitate le esperienze di contatto con se stessi e di scambio e confronto con il gruppo.

BAMBINI

"UNO ZAINETTO PIENO DI..."

ATTIVITA’ DI SCREENING PER CINQUENNI

Attraverso una diagnosi precoce dei diversi aspetti dello sviluppo (psicomotorio, intellettivo, affettivo, grafico-percettivo, sociale, etc…) del bambino, è possibile individuare risorse, bisogni ed eventuali difficoltà che il bambino manifesta nel processo di crescita psicologica. Sulla base dei dati raccolti saranno elaborare programmi ed interventi al fine di sviluppare, aumentare e consolidare le competenze necessarie per affrontare con successo l’ingresso nella scuola elementare.
Tale percorso è rivolto ai bambini dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia e coinvolge anche gli insegnanti e ai genitorie si svolge nella struttura scolastica.
Le modalità di realizzazione e la durata dell’attività sono da concordare con la scuola che ne farà richiesta.

"LE EMOZIONI: NOSTRE AMICHE"

ATTIVITA’ DI EDUCAZIONE SOCIO-AFFETTIVA

L’attività di educazione socio-affettiva ha come finalità quella di sensibilizzare i bambini alla tematica delle emozioni che sono da considerarsi un aspetto fondamentale della persona in crescita. In particolare con questa attività si vuole promuovere la capacità di comprendere i propri sentimenti, di creare rapporti di empatia con gli altri e di imparare ad orientare le proprie emozioni per migliorare la qualità della vita. Tutto ciò all’interno di un contesto di gruppo e con giochi ed esercizi adeguati alle varie fasce evolutive.
Durata: 10 incontri di 2 ore ciascuno.

ADOLESCENTI

STAR BENE CON SE' E CON GLI ALTRI

ATTIVITA’ DI EDUCAZIONE SOCIO-AFFETTIVA
L’adolescenza è uno dei momenti più delicati del processo di crescita. Di fatto l’adolescente, stimolato dai cambiamenti che avvengono a livello fisico, psicologico e sociale è impegnato nel compito di rivedere il rapporto con se stesso e con gli altri (familiari, amici, insegnanti) al fine di individuare il progetto che ha per se stesso.
Questo corso partendo da alcune informazioni teoriche su come l’individuo si struttura da un punto di vista psicologico secondo il modello dell’Analisi Transazionale, propone poi varie esperienze personali sulla base delle informazioni date allo scopo di facilitare la consapevolezza nei ragazzi circa le proprie modalità di gestione di sé e delle relazioni interpersonali nel loro particolare momento evolutivo.
Il corso può essere realizzato anche con gruppi classe presso le scuole che ne faranno richiesta.
Durata: 10 incontri di due ore ciascuno.

E ADESSO CHE FACCIO?

ATTIVITA’ DI ORIENTAMENTO PER ALUNNI DI TERZA MEDIA
La preadolescenza è caratterizzata da un lungo percorso in divenire, spesso faticoso e conflittuale, alla ricerca della propria identità, sia personale che sociale.
Anche la scuola chiede al ragazzo di scegliere il percorso formativo da affrontare al termine della scuola media.
In tale contesto si offre un servizio di orientamento rivolto ai ragazzi di terza media con lo scopo di aiutare il preadolescente a delineare una scelta dei percorsi formativi possibili in rapporto alle risorse personali.
Il servizio è strutturato in tre incontri: nei primi due, di due ore ciascuno, verrà somministrata una batteria di test per il rilevamento di attitudini, interessi professionali, efficienza nello studio e tratti di personalità; il terzo incontro, di tipo conclusivo, è finalizzato ad operare una sintesi dei dati emersi insieme ai genitori e al ragazzo per fare il punto sul percorso formativo più indicato.
Qualora l’attività venisse realizzata presso le scuole e dovesse interessare un intero gruppo classe o gruppi di studenti che ne fanno richiesta è previsto anche un quarto incontro con i professori referenti.

DAL BRUTTO ANATROCCOLO AL CIGNO NASCOSTO

ATTIVITA’ DI EDUCAZIONE SESSUALE
La sessualità rappresenta il nucleo centrale dell’identità, essa investe il corpo, l’immagine di sé, il rapporto con sé e con gli altri.
Spesso l’adolescente si trova in un momento critico da gestire, in cui mette a confronto “quello che è con quello che vorrebbe essere”.
L’attività proposta, rivolta a classi di adolescenti (Scuola Media e Scuola Media Superiore) si propone di:
• aumentare la consapevolezza del proprio modo di intendere la sessualità e del significato che ognuno le dà
• offrire là possibilità di un confronto, all’intemo di un gruppo alla pari, dei propri vissuti personali legati alla sessualità.
Durata: 5 incontri di 2 ore ciascuno.

HO UN PROBLEMA...

SPORTELLO DI ASCOLTO
Lo sportello di ascolto, destinato agli alunni della scuola media e media superiore, prevede colloqui individuali con quei ragazzi che spontaneamente chiedono di incontrarsi con la psicologa.
L’obiettivo dell’intervento è quello di esplorare con ogni ragazzo la natura del proprio disagio e iniziare a trovare strumenti adeguati per affrontarlo.
L’ attività è da realizzarsi presso le scuole.

SI STA MEGLIO COLLABORANDO CHE LITIGANDO

ATTIVITA’ DI EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA E GESTIONE DEI CONFLITTI
Nell’ambito scolastico le situazioni conflittuali sono molto diffuse e si verificano a più livelli:tra studenti e studenti, docenti e studenti, docenti e docenti, etc…
Mai come negli ultimi anni l’istituzione scolastica si sente sempre più impegnata a considerare questo tipo di situazioni, riconoscendo la necessità di sviluppare abilità di cooperazione al fine di superare in maniera favorevole e costruttiva le situazioni conflittuali, che altrimenti lasciate a se stesse, si concludono in modo negativo e distruttivo.
Spesso l’intolleranza, la mancanza di rispetto reciproco, l’insofferenza per la diversità, sono le cause di rapporti conflittuali tra gli studenti e molti sono i fattori che contribuiscono all’insuccesso degli studenti stessi nella soluzione dei loro conflitti.
Le procedure e le strategie che usano per affrontare i loro conflitti sono spesso inadeguate e distruttive.
L’attività proposta, rivolta a classi di adolescenti (Scuola Media e Scuola Media Superiore) si propone di:
• Promuovere attività che favoriscano un clima di cooperazione e di interdipendenza positiva
• Sensibilizzare all’idea che le situazioni conflittuali non portano necessariamente alla rottura, ma possono essere occasione di crescita e di arricchimento reciproco.
• Offrire strumenti e strategie per superare costruttivamente le situazioni conflittuali.
Durata: 10 incontri di due ore ciascuno.

...MI PREPARO A DECIDERE COSA FARO'

ATTIVITA’ DI ORIENTAMENTO PER GLI ALUNNI DEL TRIENNIO DI SCUOLA MEDIA
Il progetto si rivolge ai ragazzi che frequentano l’intero ciclo della scuola media.
Esso intende promuovere nel ragazzo la capacità di autoorientamento, aumentando la consapevolezza delle proprie capacità, attitudini, aspirazioni e interessi personali e professionali, del proprio impegno e metodologie di studio.
La conoscenza e l’utilizzo di tali risorse aiuta a prevenire il disadattamento scolastico nonchè il precoce abbandono degli studi.
Il progetto si avvale della collaborazione dei genitori e degli insegnanti.
Durata: 2 incontri di 2 ore ciascuno con il gruppo classe; un incontro di 2 ore con gli insegnanti; un incontro di 2 ore con i genitori.

LE EMOZIONI: NOSTRE AMICHE

ATTIVITA’ DI EDUCAZIONE SOCIO-AFFETTIVA
L’attività di educazione socio-affettiva ha come finalità quella di sensibilizzare i ragazzi alla tematica delle emozioni che sono da considerarsi un aspetto fondamentale della persona in crescita. In particolare con questa attività si vuole promuovere la capacità di comprendere i propri sentimenti, di creare rapporti di empatia con gli altri e di imparare ad orientare le proprie emozioni per migliorare la qualità della vita. Tutto ciò all’interno di un contesto di gruppo e con giochi ed esercizi adeguati alla fase evolutiva del ragazzo.
Durata: 10 incontri di due ore ciascuno.

PRIMA CHE SIA UN PROBLEMA

ATTIVITA’ DI ANALISI DELLE RISORSE PER GLI ALUNNI DEL PRIMO ANNO DELLA SCUOLA MEDIA
Il passaggio da un ordine di scuola ad un altro generalmente richiede allo studente alcune capacità e competenze piuttosto complesse. Il preadolescente/adolescente si trova impegnato a confrontarsi e ad adattarsi ad una serie di cambiamenti esterni (nuovi compagni, insegnanti, materie che richiedono un diverso impegno di studio, ecc.) in una fase evolutiva già di per sé delicata.
Conoscere precocemente le risorse di cui egli dispone e le eventuali difficoltà che potrebbero emergere nell’impatto con il nuovo contesto e nel corso della nuova esperienza scolastica aiuta a prevenire insuccessi e disadattamento scolastico nonché il precoce abbandono degli studi.
Il progetto si rivolge agli studenti che frequentano il primo anno della scuola media e il primo anno della scuola superiore.
Questa attività di monitoraggio si propone di:
• Fornire agli insegnanti chiavi di lettura per individuare la dinamica del gruppo classe
• Fornire agli insegnanti referenti di ciascuna classe elementi di conoscenza degli allievi rispetto ai loro punti di forza e ai punti deboli sia da un punto di vista psicorelazionale sia da un punto di vista delle abilità metacognitive (metodo di studio, strategie di apprendimento ecc.)
• Fornire indicazioni su eventuali atteggiamenti educativi funzionali rispetto alla fase evolutiva attraversata dagli allievi.
• Individuare, laddove necessario, adeguate strategie di intervento o eventuale invio di tipo specialistico (compresa l’eventuale segnalazione alla ASL di competenza) sul singolo allievo.
• Progettare, laddove necessario, interventi da realizzare sull’ intera classe o su gruppi di ragazzi in tempi successivi all’ analisi effettuata sulla base dei risultati emersi dalla ricognizione.
Durata: 2 incontri di 2 ore ciascuno con il gruppo classe; un incontro di 2 ore con gli insegnanti; un incontro di 2 ore con i genitori.

ADULTI

CONOSCENZA DI SE’ E PREVENZIONE DEL DISAGIO PSICOLOGICO
Tutti noi, ogni tanto, proviamo la sensazione dell’ansia e talvolta diventa tanto grande che non siamo più in grado di gestirla; altre volte ci sentiamo vittime di disturbi fisici (tachicardia, tremori, vertigini, ecc…) definiti dal medico come manifestazioni d’ansia. Possiamo imparare a gestire le situazioni che sono per noi fonte di disagio intervenendo sul nostro modo di pensare, di sentire e di agire nei confronti di stimoli per noi ansiogeni.
Questo corso ha lo scopo di facilitare il riconoscimento dei propri stili di risposta inefficaci di fronte a stimoli percepiti come ansiogeni e di apprendere modalità di gestione di sé finalizzate a promuovere e a mantenere un nuovo benessere psicofìsico.
Durata: 10 incontri di 2 ore ciascuno.

CONOSCERE LE PROPRIE EMOZIONI
Il corso articolato in cinque incontri è un itinerario di crescita sulla tematica delle emozioni, in questi incontri vengono dati spunti teorici e vengono proposte esperienze personali che aiutano le persone a scoprire il valore adattivo delle emozioni.

GENITORI

PRENDERSI CURA DI SE' PER PRENDERSI CURA DEI PROPRI FIGLI

Un grosso disagio per i genitori, nell’educare i propri figli, può derivare da una scarsa conoscenza di sè e del loro figlio; può essere allora di grande sostegno e incoraggiamento confrontarsi con altri genitori e potenziare la consapevolezza delle proprie risorse e dei propri limiti al fine di favorire la crescita dei propri figli.
Pertanto questo corso propone momenti di incontro per:
– conoscere sia i bisogni propri che quelli dei figli
– riflettere sul proprio modo di stare con i figli
– allargare la gamma di alternative nella gestione di quei problemi che di volta in volta si incontrano nel ruolo di genitore-educatore.
Durata: 4 incontri di 2 ore ciascuno.

PERCORSI DEI GENITORI NELL'ADOLESCENZA”

I genitori di figli adolescenti si trovano a dover gestire una fase evolutiva particolarmente problematica e difficile, quindi essi avvertono spesso la necessità di confrontarsi, di informarsi, in sintesi di affinare le loro competenze rispetto alla funzione educativa in cui si trovano impegnati.
Pertanto questo corso propone momenti di incontro per:

  • Allargare la conoscenza dei genitori circa i compiti ed i bisogni dei loro figli, connessi alla fase evolutiva in cui essi rientrano
  • Aumentare la consapevolezza degli stili genitoriali adottati dai partecipanti al corso nell’interazione con i loro figli
  • Integrare i modelli comunicativi che caratterizzano gli stili identificati in modo che la relazione genitore-figlio favorisca la creazione di una sana autostima del preadolescente e dell’adolescente
  • Prevenire l’instaurarsi di relazioni educative caratterizzate da dipendenza psicologica negativa.

Durata: 4 incontri di 2 ore ciascuno.

COPPIE

1+1 non fa sempre 2
La relazione di coppia: un percorso a due

Un bambino impara prima a parlare e poi a comunicare cosa pensa e cosa sente, diventerà poi adolescente con abilità più complesse e continuerà a procedere lungo la strada dello sviluppo.
Anche la relazione di coppia è caratterizzata da un susseguirsi di fasi: prima ci si innamora e si colgono solo i pregi dell’altro, dopo un po’ si scoprono anche i limiti. Queste sono solo due delle fasi che caratterizzano l’evoluzione della coppia.
La conoscenza delle “stagioni” della vita di una coppia e dei relativi punti forti e critici, permette di rendere l’esistenza a due un’occasione per potenziare la crescita di ciascuno insieme all’altro.
Il corso si propone di presentare i bisogni e le competenze proprie di ciascuna fase evolutiva della relazione di coppia e di sperimentare modalità operative che permettano di gestire alcune difficoltà che una coppia sperimenta nel suo cammino di crescita.
Il corso si articola in dieci incontri della durata di due ore ciascuno.

ATTIVITA’ REALIZZATE

PSICOLOGIA DELLA SALUTE

TIPOLOGIA DI INTERVENTO DESTINATARI SEDE ANNO
Prevenzione del disagio e integrazione Alunni di 5 anni Scuola materna del 5° Circolo di Latina 1995/96
Prevenzione del disagio e integrazione Studenti di 10 anni Scuola Media G. Giuliano di Latina 2004/2005
2005/2006
2006/2007
Educazione socio affettiva Alunni 6-10 anni Scuola Elementare del 5° Circolo di Latina Dal 1994 al 2000
Educazione socio affettiva Alunni 6-10 anni Scuola Elementare Sezze Scalo 2001/2002
Educazione socio affettiva Studenti 10-13 anni Scuola Media A. Volta di Latina 2000/2001
Educazione socio affettiva Studenti 13-18 anni Istituto Tecnico Industriale A. Marconi di Latina 2001/2002
Educazione sessuale Studenti 10-13 anni Scuola G. Verga di Pontinia 2000/2001.
Educazione sessuale Studenti 13-18 anni Istituto A. Manzoni di Latina 1994/95 1995/96
Consulenza psicologica Studenti 10-13 anni Scuola Media A. Volta di Latina 2000/2001
Consulenza psicologica Studenti 10-13 anni Scuola Media G. Giuliano di Latina 2004/2005
Consulenza psicologica Studenti di 13-18 anni Istituto A. Manzoni di Latina 1992
1993
1994
Gruppi di ascolto e sensibilizzazione Studenti di 13-18 anni Istituto A. Manzoni di Latina 1996/97.
Gruppi di ascolto e sensibilizzazione Adulti Centro SAPA Dal 1996 ad oggi

PSICOLOGIA DELL’EDUCAZIONE E DELL’ORIENTAMENTO

TIPOLOGIA DI INTERVENTO DESTINATARI SEDE ANNO
Gruppi di ascolto e sensibilizzazione Genitori Scuola Elementare del 5° Circolo di Latina 1996
Gruppi di ascolto e sensibilizzazione Genitori Varie associazioni e parrocchie Dal 1996 ad oggi
Consulenza psico-educativa Genitori e insegnanti

Scuola Media G. Giuliano di Latina 2004/2005
Consulenza psico-educativa Genitori e insegnanti

Scuola Elementare 8° Circolo di Latina Dal 2004 ad oggi
Attività di orientamento scolastico-professionale Alunni di 13 anni Scuole Medie:
A. Aleardi, D. Alighieri, G. Cena, G. Corradini, G.Giuliano, Prampolini, A. Volta, di Latin Scuola Media di Norma.
1995
1996
1997
1998

PROFILO

SAPA è una associazione di psicoterapeuti aventi una formazione integrata con una focalizzazione specifica in ambito analitico-transazionale; si è costituita come Associazione di professionisti nel giugno 1996 con sede a Latina.

Le attività del SAPA si esplicano nei seguenti ambiti:

1.  Ambito clinico
2. Ambito della formazione
3. Ambito della prevenzione e promozione delle risorse umane

Prof. Susanna Bianchini

Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Transazionale Didatta, Docente presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica dell’ IFREP, presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica dell’ UPS, Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Transazionale (SSPT).

Prof. Paola Fulignoli

Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Transazionale Didatta in Formazione, Docente presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica dell’ IFREP e presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Transazionale (SSPT).

Prof. Claudia Visone

Psicologo, Psicoterapeuta, Analista Transazionale Didatta in Formazione, docente presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Transazionale (SSTP), insegnante.

DOVE SIAMO

PER INFORMAZIONI CONTATTARE

tel.: 0773663658

fax: 0773663658

email: segreteria@sspt-sapa.it